Imposta come home page     Aggiungi ai preferiti

 

L’Asia Centrale ex sovietica e il conflitto in Ucraina

di - 20 Giugno 2022
      Stampa Stampa      Segnala Segnala

Il recente vertice di Mosca dell’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva (CSTO) – l’alleanza politico- militare composta nel 1992 da Armenia, Bielorussia, Kazakhstan, Kirghizistan, Russia e Tagikistan – ha fatto emergere un interessante sfilacciamento degli alleati asiatici ex sovietici dalla “operazione militare speciale” che la Russia conduce in Ucraina. Nel comunicato finale non vi è, infatti, alcun accenno a un aiuto militare a Mosca (in realtà non esplicitamente richiesto), come all’ipotesi (forse sottintesa) di poter aiutare Putin ad aggirare le sanzioni imposte dall’Occidente. Figura addirittura un paradosso quando viene invocata una imprecisata “cooperazione pratica con la NATO”, alla luce della preoccupante situazione in Afghanistan e negli altri Stati limitrofi (il riferimento è alle minacce dei talebani di attaccare il Tagikistan). Chiaro che non ci sarà nessun dispiegamento delle forze della CSTO in Ucraina e Mosca dovrà trovare un altro modo per compensare le perdite di uomini e di mezzi sul campo…

Scarica il contributo completo


RICERCA

RICERCA AVANZATA


ApertaContrada.it Via Arenula, 29 – 00186 Roma – Tel: + 39 06 6990561 - Fax: +39 06 699191011 – Direttore Responsabile Filippo Satta - informativa privacy