Imposta come home page     Aggiungi ai preferiti

 

Un nuovo appello alla responsabilità: il rapporto speciale dell’IPCC sul riscaldamento globale

di - 27 novembre 2018
      Stampa Stampa      Segnala Segnala

Il nostro pianeta si sta riscaldando: dagli inizi del 20mo secolo la temperatura globale è aumentata di quasi 1°. I segni del riscaldamento globale sono già evidenti: i ghiacci si stanno sciogliendo, specialmente ai poli; il livello del mare sta crescendo più rapidamente di quanto ci si attendeva; le precipitazioni sono aumentate di intensità e così gli episodi di siccità; varie specie animali, come i pinguini nell’Antartide, si stanno riducendo in modo preoccupante. Gli effetti negativi del riscaldamento globale sulle popolazioni umane, specialmente su quelle che vivono nei paesi più poveri, stanno diventando sempre più evidenti.
Questa ormai drammatica situazione è il risultato della crescita, che sembra inarrestabile, delle emissioni di gas serra (il principale dei quali è l’anidride carbonica) ad opera dell’attività produttiva dell’uomo a partire dalla Rivoluzione Industriale. Queste crescenti emissioni hanno portato a una concentrazione di gas serra nell’atmosfera che, se continua al ritmo attuale, rischia di portare ad aumenti di temperatura fino a 4° al di sopra dei livelli pre-industriali. Con questi aumenti nel riscaldamento globale, che il nostro pianeta non ha sperimentato da milioni di anni (ricordiamo che l’homo sapiens è apparso sulla terra circa 250 mila anni fa), gli sconvolgimenti climatici sarebbero tali da mettere l’umanità in serio pericolo di sopravvivenza.
Dopo il fallimento sostanziale del Protocollo di Kyoto nel portare ad una adeguata riduzione delle emissioni globali, la Conferenza delle Parti della Convenzione delle Nazioni Uniti sul Cambiamento Climatico, che si è tenuta a Parigi nel dicembre del 2015, si era conclusa con un accordo tra 195 paesi su una strategia più credibile che in passato per affrontare il problema del cambiamento climatico; l’accordo aveva fatto rinascere le speranze e l’ottimismo sulla capacità dei governi di impegnarsi e coordinarsi in modo tale da invertire la tendenza prevalsa negli anni precedenti.
L’accordo di Parigi conteneva l’impegno di promuovere una riduzione del riscaldamento globale ancora maggiore di quella alla quale le precedenti conferenze sul clima si erano impegnate sulla base delle indicazioni di quel vasto gruppo interdisciplinare di studiosi provenienti da vari paesi, denominato Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), fatto nascere nel 1988 dalle Nazioni Unite e l’Organizzazione Metereologica Mondiale (WHO) con lo scopo di analizzare gli aspetti scientifici del cambiamento climatico e di fornire ai decisori politici le valutazioni sulle implicazioni e i rischi futuri di tale cambiamento, nonché  suggerimenti sulle strategie di mitigazione e di adattamento più appropriate.
L’IPCC (uno dei gruppi di lavoro del quale, quello sulla mitigazione del cambiamento climatico, ha come vice-presidente l’economista italiano Carlo Carraro) aveva determinato nell’obiettivo di 2° C di riscaldamento globale rispetto ai livelli pre-industriali, quello necessario per stabilizzare la concentrazione del principale dei gas serra, l’anidride carbonica (CO2), nell’atmosfera a un livello che permetterebbe di evitare effetti negativi drammatici del cambiamento climatico. Le varie Conferenze delle Parti della Convenzione delle Nazioni Unite sul Cambiamento Climatico che si erano succedute prima di quella di Parigi avevano sempre accettato questo obiettivo.
L’accordo conclusivo della Conferenza di Parigi ha ridotto l’obiettivo di riscaldamento globale a 1,5° rispetto ai livelli pre-industriali: un ulteriore segnale del rafforzamento dell’impegno nell’impegno contro il cambiamento climatico. L’IPCC si è dedicato alle ricerche necessarie per esaminare le implicazioni di questo nuovo obiettivo, con particolare riguardo a quelle sullo sviluppo sostenibile e sulla riduzione della povertà; e agli inizi di ottobre ha pubblicato un lungo e articolato rapporto speciale dal titolo “Global Warming of 1.5°”, che riguarda gli impatti del nuovo obiettivo e i sentieri richiesti in termini di emissioni globali di gas serra necessari per raggiungerlo.
Il rapporto dimostra in modo dettagliato e scientificamente giustificato ciò che già si può intuire, e cioè che gli effetti di una riduzione del riscaldamento globale da 2° a 1,5° rispetto ai livelli pre-industriali sono positivi sui rischi di eccessive siccità e precipitazioni, sull’innalzamento del livello del mare, sulla biodiversità e la qualità degli ecosistemi sia terrestri che marini, nonché sugli aspetti che coinvolgono in modo più diretto gli esseri umani, quali la qualità dell’aria e dell’acqua, la sicurezza alimentare, la morbidità e la mortalità, le opportunità di una crescita economica più sostenibile e la riduzione della povertà.
Il rapporto mette anche in evidenza come l’obiettivo di un risaldamento globale di 1,5° rispetto ai livelli pre-industriali sia in armonia con molti degli obiettivi di sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goals) adottati dalle Nazioni Unite: la riduzione della povertà e della fame; il miglioramento della salute; il miglioramento della disponibilità e della qualità dell’acqua; una energia pulita; una vita migliore nelle città e delle comunità; un consumo e di una produzione più responsabili.
Il rapporto conferma che una riduzione del riscaldamento globale e del cambiamento climatico inciderà di più sui paesi più poveri, contribuendo in modo sostanziale alla riduzione della disuguaglianza a livello mondiale.
Il rapporto dimostra anche che le misure di adattamento al cambiamento climatico sarebbero meno impegnative e anche meno costose in presenza di una riduzione del riscaldamento globale da 2° a 1,5° rispetto ai livelli pre-industriali.
Il rapporto esamina quali dovrebbero essere le implicazioni della riduzione del riscaldamento globale sulle emissioni nette di CO2. Le emissioni nette sono il risultato della sottrazione dalle emissioni lorde della capacità di assorbimento di queste da parte dei sistemi naturali (ad esempio le foreste) anche a seguito di appropriati interventi umani.
Rispetto ai livelli del 2010, queste emissioni dovrebbero ridursi del 45% nel 2030 fino ad annullarsi nel 2050; un impegno molto più forte di quello richiesto dall’obiettivo di innalzamento di 2° rispetto ai livelli pre-industriali, che consiste nella riduzione del 20% delle emissioni nette nel 2030 rispetto al 2010, e nel loro annullamento solo nel 2075.
E’ evidente come un simile rafforzamento nell’impegno per la mitigazione del riscaldamento globale e del cambiamento climatico richieda trasformazioni molto più consistenti nella direzione della costruzione di sistemi economici a basso contenuto di carbonio. Il rapporto quantifica in dettaglio queste trasformazioni che vanno dal campo energetico (le energie rinnovabili dovrebbero fornire tra il 70 e l’85% dell’elettricità nel 2050), a quello delle infrastrutture e dei mezzi di trasporto, a quello della residenzialità e delle infrastrutture urbane, all’organizzazione dei sistemi industriali. Il rapporto dimostra che queste trasformazioni sono già oggi tecnologicamente possibili; il vero limite alla loro realizzazione, afferma con molta chiarezza il rapporto, deriva dalle esigenze economiche, istituzionali e di capacità umana.
Valga come esempio che gli investimenti necessari per le trasformazioni nel campo energetico per raggiungere l’obiettivo di un riscaldamento globale di 1,5° rispetto ai livelli pre-industriali sono stimati tra il 2015 e il 2050 in 900 miliardi di dollari, con un incremento medio del 12% rispetto a quelli, già molto consistenti, richiesti dall’obiettivo di innalzamento di 2°.

Pagine: 1 2


RICERCA

RICERCA AVANZATA


ApertaContrada.it Foro Traiano 1/A – 00187 Roma – Tel: + 39 06 6990561 - Fax: +39 06 699191011 – Direttore Responsabile Filippo Satta - informativa privacy