Imposta come home page     Aggiungi ai preferiti

Energie rinnovabiliCommissione europea, presunto aiuto di Stato francese, 3 ottobre 2014

di Osservatorio Energia - 19 Dicembre 2014
      Stampa Stampa      Segnala Segnala

(GU C 348/78 del 3.10.2014)

La Commissione, sospettando l’esistenza di un aiuto di Stato incompatibile con le norme europee, ha invitato tutte le parti interessate a presentare osservazioni in relazione ai massimali fissati dalla Francia per il CSPE (Contribution au Service Public de l’Electricité). Nello specifico, la Francia sostiene le energie rinnovabili mediante l’obbligo imposto ai fornitori di energia elettrica di acquistare energie rinnovabili a tariffe incentivate a un prezzo superiore a quello di mercato. Al fine di coprire i costi supplementari che ne derivano, è stato imposto ai consumatori il CSPE. Quest’ultimo viene trasferito ai fornitori di energia elettrica da un ente pubblico incaricato della gestione del contributo (Caisse des dépôts et consignations) di talune categorie di consumatori di energia elettrica.

Si deve ricordare che lo scorso mese di aprile la Commissione ha adottato la disciplina europea in materia di aiuti di Stato a favore dell’ambiente e dell’energia 2014-2020, in vigore dal 1° luglio 2014. Ai sensi di questa nuova disciplina, la Commissione valuterà la compatibilità di presunti aiuti illegali sotto forma di riduzione del sostegno finanziario alla produzione di energia da fonti rinnovabili.

http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/HTML/?uri=CELEX:52014XC1003(07)&from=IT


RICERCA

RICERCA AVANZATA


ApertaContrada.it Foro Traiano 1/A – 00187 Roma – Tel: + 39 06 6990561 - Fax: +39 06 699191011 – Direttore Responsabile Filippo Satta - informativa privacy