Imposta come home page     Aggiungi ai preferiti

RifiutiCorte di Giustizia europea, sentenza 9 marzo 2010, C-379/08 e 380/08 (procedimenti riuniti)

di Redazione di ApertaContrada - 9 marzo 2010
      Stampa Stampa      Segnala Segnala

sul potere delle autorità competenti di ordinare agli operatori responsabili nuovi e diversi interventi; sul potere di subordinare l’utilizzo dei terreni (anche non contaminati) alla previa bonifica di quelli contaminati

-A norma degli artt. 7 e 11, n. 4, della direttiva 2004/35/CE, e dell’allegato II della medesima direttiva, l’autorità competente ha il potere di modifica unilateralmente, sotto il profilo sostanziale. le misure di riparazione già decise in esito a un procedimento in contraddittorio, e in ipotesi già poste in essere dai responsabili della contaminazione, a condizione che, eccetto i casi di urgenza indifferibile, gli operatori e i proprietari delle aree interessate vengano ascoltati e possano presentare osservazioni.

-L’autorità, nel provvedimento con cui detta nuove misure, deve indicare le ragioni specifiche che motivino la sua scelta nonché, eventualmente, quelle in grado di giustificare il fatto che non fosse necessario o possibile effettuare un esame circostanziato alla luce dei detti criteri a causa, ad esempio, dell’urgenza della situazione ambientale.

-È conforme al diritto comunitario una normativa nazionale che riconosca all’autorità il potere di subordinare l’esercizio del diritto degli operatori all’utilizzo dei loro terreni alla realizzazione dei lavori prescritti, anche quando non insistano sui terreni in parola, ed anche se, su tali terreni, sia già stata operata la bonifica. Tuttavia, una misura siffatta deve essere giustificata dallo scopo di impedire il peggioramento della situazione ambientale dove dette misure sono poste in esecuzione oppure, in applicazione del principio di precauzione, dallo scopo di prevenire il verificarsi o il ripetersi di altri danni ambientali nei detti terreni degli operatori, limitrofi all’intero litorale oggetto di dette misure di riparazione.

http://curia.europa.eu/jurisp/cgi-bin/form.pl?lang=it&newform=newform&Submit=Avvia+la+ricerca&alljur=alljur&jurcdj=jurcdj&jurtpi=jurtpi&jurtfp=jurtfp&alldocrec=alldocrec&docj=docj&docor=docor&docop=docop&docav=docav&docsom=docsom&docinf=docinf&alldocnorec=alldocnorec&docnoj=docnoj&docnoor=docnoor&radtypeord=on&typeord=ALL&docnodecision=docnodecision&allcommjo=allcommjo&affint=affint&affclose=affclose&numaff=c-379%2F08&ddatefs=&mdatefs=&ydatefs=&ddatefe=&mdatefe=&ydatefe=&nomusuel=&domaine=&mots=&resmax=100


RICERCA

RICERCA AVANZATA


ApertaContrada.it Foro Traiano 1/A – 00187 Roma – Tel: + 39 06 6990561 - Fax: +39 06 699191011 – Direttore Responsabile Filippo Satta - informativa privacy