Imposta come home page     Aggiungi ai preferiti

RifiutiTAR Lazio, Roma, Sez. II-bis,  sentenza 20 gennaio 2017, n. 1080

di Osservatorio Energia - 2 Marzo 2017
      Stampa Stampa      Segnala Segnala

Il contributo per il soppresso Osservatorio nazionale sui rifiuti non è dovuto per il periodo precedente all’entrata in vigore della norma che ne ha espressamente consentito l’acquisizione direttamente da parte del Ministero dell’Ambiente

 

Il contributo originariamente previsto per finanziare i costi di funzionamento dell’Osservatorio nazionale sui rifiuti e della corrispondente Segreteria tecnica, da tempo soppressi, trova, attualmente, una nuova giustificazione, essendo collegato alle funzioni di vigilanza e controllo sui rifiuti che la legge vigente attribuisce direttamente al Ministero dell’Ambiente, ma ciò solo a partire dall’entrata in vigore dell’art. 29, co. 1, l. n. 221/2015 che ha consentito al Ministero dell’Ambiente di finanziare le proprie funzioni relative ai rifiuti, precedentemente attribuite all’Osservatorio, mediante l’acquisizione del contributo (quindi a partire dal 2 febbraio 2016). I decreti con i quali il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha determinato il contributo dovuto per la costituzione e il funzionamento dell’Osservatorio Nazionale sui rifiuti per gli anni 2010, 2011 e 2012, anni in cui era cessata l’operatività dell’Osservatorio e non era ancora vigente la l. n. 221/2015, sono, pertanto, illegittimi.

 

https://www.giustizia-amministrativa.it/cdsintra/cdsintra/AmministrazionePortale/DocumentViewer/index.html?ddocname=G5V5GQYJQ6M27N6IS63OMTUSEM&q=


RICERCA

RICERCA AVANZATA


ApertaContrada.it Foro Traiano 1/A – 00187 Roma – Tel: + 39 06 6990561 - Fax: +39 06 699191011 – Direttore Responsabile Filippo Satta - informativa privacy