Imposta come home page     Aggiungi ai preferiti

di Redazione di ApertaContrada - 12 Maggio 2016
      Stampa Stampa      Segnala Segnala

Tar Friuli Venezia Giulia- Trieste, 13 aprile 2016, n. 126

Con la sentenza in esame, il Tar ha rigettato il ricorso proposta da Italgas contro il bando di Udine. A parere della ricorrente, il bando era illegittimo poiché non consentiva la presentazione di un’offerta seria e consapevole per indeterminatezza del quadro normativo di riferimento. Inoltre, non vi erano indicazione chiare riguardo alla determinazione del valore di rimborso e la disciplina tariffaria.

Tuttavia, a parere del Collegio, la procedura di gara ristretta prescelta è legittima poiché in questa fase “le imprese dovevano solamente presentare una richiesta di invito con le indicazioni necessarie a provare il possesso dei requisiti di carattere generale, professionale, economico finanziario e tecnico organizzativo. Non è richiesto di formulare al momento alcuna offerta economica che verrà presentato ai sensi del punto 8 del disciplinare nel termine di giorni 180 decorrenti dalla data del termine per la presentazione della domanda di partecipazione. Vi sono quindi sei mesi previsti dal 1 marzo 2016 per completare la lex specialis e per l’invio delle lettere di invito”.

Inoltre, la società aveva contestato che il bando non fosse stato notificato all’Autorità prima della pubblicazione, come previsto dei decreti ministeriali. A parere del Collegio, però, tale adempimento potrà essere espletato nei sei mesi previsti prima della presentazione delle offerte e il termine “prima della pubblicazione del bando” per la notifica all’AEEGSI, nel caso di procedure ristrette si deve intendere “prima dell’invio della lettera di invito”.

https://www.giustizia-amministrativa.it/cdsintra/cdsintra/AmministrazionePortale/DocumentViewer/index.html?ddocname=CF7OONGQ2D2LFIVAW37KKBZMNM&q=gas%20or%20udine


RICERCA

RICERCA AVANZATA


ApertaContrada.it Foro Traiano 1/A – 00187 Roma – Tel: + 39 06 6990561 - Fax: +39 06 699191011 – Direttore Responsabile Filippo Satta - informativa privacy