Imposta come home page     Aggiungi ai preferiti

RifiutiCorte di Giustizia, sentenza 26 novembre 2015, C‑487/14

di Redazione di ApertaContrada - 7 Gennaio 2016
      Stampa Stampa      Segnala Segnala

La Corte di Giustizia ha chiarito che la spedizione di rifiuti, nel paese di transito attraverso un valico di frontiera diverso da quello indicato nel documento di notifica ed autorizzato dalle autorità competenti, deve essere considerata come una modifica essenziale intervenuta sulle modalità e/o condizioni della spedizione autorizzata. Di conseguenza, secondo la Corte, il fatto di non aver informato di tale modifica le autorità competenti comporta che la spedizione di rifiuti è illegale, in quanto effettuata “in un modo che non è materialmente specificato nella notifica”, ai sensi dell’ar. 2, punto 35, lett. d), del regolamento n. 1013/2006.

http://curia.europa.eu/juris/document/document.jsf;jsessionid=9ea7d2dc30dd836b3b135bb44113beedbada1ec99371.e34KaxiLc3qMb40Rch0SaxuSah50?text=&docid=172141&pageIndex=0&doclang=IT&mode=lst&dir=&occ=first&part=1&cid=82666


RICERCA

RICERCA AVANZATA


ApertaContrada.it Foro Traiano 1/A – 00187 Roma – Tel: + 39 06 6990561 - Fax: +39 06 699191011 – Direttore Responsabile Filippo Satta - informativa privacy