Imposta come home page     Aggiungi ai preferiti

RifiutiCorte di giustizia, conclusioni avvocato generale, 4 settembre 2014

di Osservatorio Energia - 4 Novembre 2014
      Stampa Stampa      Segnala Segnala

Nell’ambito della procedura di infrazione avverso la Repubblica Italiana per la mancata esecuzione della sentenza della Corte di Giustizia del 26 aprile 2007 (C-135/05, Commissione/Italia) sulle discariche illegali di rifiuti, l’Avvocato generale Juliane Kokott ha proposto alla Corte di decidere che la Repubblica italiana è venuta meno agli obblighi ad essa incombenti, non avendo adottato tutti i provvedimenti necessari per l’esecuzione della sentenza, con particolare riferimento all’utilizzazione di discariche illegali di rifiuti, anche pericolosi, alla mancata bonifica delle discariche illegali di rifiuti chiuse e alla mancanza di una nuova autorizzazione per le discariche di rifiuti rimaste in funzione ai sensi della direttiva discariche.

L’Avvocato generale ha proposto, pertanto, alla Corte di condannare l’Italia a versare alla Commissione europea una somma forfettaria di 60 milioni di euro, oltre ad una penalità giornaliera fino alla piena esecuzione della sentenza Commissione/Italia.

http://curia.europa.eu/juris/document/document.jsf?text=&docid=157361&pageIndex=0&doclang=IT&mode=lst&dir=&occ=first&part=1&cid=88544


RICERCA

RICERCA AVANZATA


ApertaContrada.it Foro Traiano 1/A – 00187 Roma – Tel: + 39 06 6990561 - Fax: +39 06 699191011 – Direttore Responsabile Filippo Satta - informativa privacy