Imposta come home page     Aggiungi ai preferiti

Energie rinnovabiliConsiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Sicilia, Sez. Giurisdizionale, sentenza 22 luglio 2014 , n. 433

di Osservatorio Energia - 14 Settembre 2014
      Stampa Stampa      Segnala Segnala

Il Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Sicilia accoglie parzialmente l’appello della Presidenza della Regione, della Giunta Regionale e dell’Assessorato Regionale Energia e Servizi di Pubblica Utilità, avverso la sentenza del T.A.R. Palermo n. 1952 del 2010, che aveva ritenuto non applicabili le Linee Guida al Piano Energetico Ambientale Regionale Siciliano alle istanze di avvio del procedimento per il rilascio di AU per la realizzazione di un impianto eolico, dal momento che tali istanze erano state proposte prima dell’ entrata in vigore delle suddette Linee Guida. Secondo il massimo Consesso Siciliano, al contrario, in ossequio al principio “tempus regit actum” ciascuna fattispecie deve realizzarsi nell’osservanza della norma vigente al momento in cui questa si perfeziona. Pertanto l’atto finale del procedimento – ovvero l’autorizzazione – deve essere emanato nel rispetto di quanto previsto dal nuovo regolamento, in assenza di norme transitorie. A tale riguardo, risulta irrilevante l’affidamento maturato dal titolare dell’interesse pretensivo alla luce del vecchio quadro normativo. Rimangono al contrario impregiudicate eventuali questioni risarcitorie derivanti dalla inosservanza dell’originario termine di conclusione del procedimento.


RICERCA

RICERCA AVANZATA


ApertaContrada.it Foro Traiano 1/A – 00187 Roma – Tel: + 39 06 6990561 - Fax: +39 06 699191011 – Direttore Responsabile Filippo Satta - informativa privacy