Imposta come home page     Aggiungi ai preferiti

Presentazione

   
      Stampa Stampa

La Rivista che oggi vede la luce prende nome dal titolo della scena con cui si apre l’ultimo atto del  Faust di Goethe. Questo infatti la Rivista aspira ad essere: una “offene Gegend“, una contrada, un luogo aperto alla comprensione della società che cambia sotto i cruciali e cospiranti profili del suo diritto e della sua economia. Vuole essere così una rivista scientifica ma non tecnica. La scientificità è in sé. Solo il rigore del metodo e quindi la chiarezza sui presupposti da cui si muove e sull’indagine che si intende svolgere consentono di dire che si cerca di capire ed anzitutto che cosa. Ma la rivista non è tecnica perché il campo di riferimento è la società nel suo insieme: non le sue aggregazioni, su cui si ferma il sociologo, non le sue specificità giuridiche ed economiche, raffinatezze per giuristi ed economisti. Il cambiamento della società coinvolge tutto e tutti. La Rivista si limiterà a riflettere sul diritto e sull’economia che si trasformano in questo Paese, o che, viceversa, non si trasformano, mantenendo in vita privilegi o situazioni di svantaggio che ne rallentano lo sviluppo. Tanto per fare qualche esempio, non si preoccuperà della “causa del negozio giuridico” ma di concorrenza, di class actions e di tutela dei consumatori; non del “potere discrezionale della pubblica amministrazione“, ma di ambiente, energia, rifiuti, servizi pubblici, nella loro duplice veste, giuridica ed economica; ed ancora, non di federalismo in astratto, ma di federalismo fiscale e di regioni di fronte alla localizzazione delle centrali nucleari.

L’intento per cui nasce ha determinato la sua veste. In termini generali aspira ad essere incisiva e quindi a rappresentare problemi, processi in corso, proposte, in forma limpida e breve. Assume come regola fondamentale di comportamento dei suoi autori la piena libertà di opinione, ma l’altrettanto piena e rigorosa informazione.

La Rivista ritiene che in questo Paese la libertà di manifestare il proprio pensiero sia severamente limitata a chi ha avuto l’abilità o il privilegio di conquistarsi un luogo in cui esprimere e quindi far conoscere ciò che pensa. Per questo motivo essa accoglie volentieri opinioni, commenti, critiche dei frequentatori del sito, alla sola condizione che siano espressi in forma civile.

6 dicembre 2008
Filippo Satta Pierluigi Ciocca
Una nuova economia per il diritto.
Alcune riflessioni sulla legge

di Filippo Satta, 5 Dicembre 2008
Un nuovo diritto per l’economia italiana
di Pierluigi Ciocca, 5 Dicembre 2008

RICERCA

RICERCA AVANZATA


ApertaContrada.it Foro Traiano 1/A – 00187 Roma – Tel: + 39 06 6990561 - Fax: +39 06 699191011 – Direttore Responsabile Filippo Satta - informativa privacy