Imposta come home page     Aggiungi ai preferiti

GasConsiglio di Stato, sez. V, sentenza 27 dicembre 2013, n. 6256

di Osservatorio Energia - 12 febbraio 2014
      Stampa Stampa      Segnala Segnala

Il Consiglio di Stato, nell’ambito della procedura di gara indetta dal Comune di Prato per l’affidamento del servizio di distribuzione del gas ha chiarito, con riferimento alle gare indette prima delle recenti modifiche normative introdotte dai decreti ministeriali del 2011, che nelle procedure per l’affidamento la mancata individuazione dei criteri di selezione e degli ambiti territoriali di utenza, di cui all’art. 46 bis d.l. n. 159 del 2007, non può costituire una moratoria sine die delle relative gare. L’ordinamento di settore, per come si è andato formando nel tempo, non ha inteso prorogare gli affidamenti in essere fino alla definizione degli ambiti ottimali. Per tale ragione, un comune può legittimamente bandire isolatamente la propria gara anche in assenza di tali criteri.

http://www.giustizia-amministrativa.it/DocumentiGA/Consiglio%20di%20Stato/Sezione%205/2011/201108361/Provvedimenti/201306256_11.XML

RICERCA

RICERCA AVANZATA


ApertaContrada.it Foro Traiano 1/A – 00187 Roma – Tel: + 39 06 6990561 - Fax: +39 06 699191011 – Direttore Responsabile Filippo Satta - informativa privacy