Imposta come home page     Aggiungi ai preferiti

Energie rinnovabiliConsiglio di Stato, Sez. VI, sentenza 6 maggio 2013, n. 2417

di Osservatorio Energia - 12 luglio 2013
      Stampa Stampa      Segnala Segnala

Il Consiglio di Stato conferma la pronuncia del giudice di prime cure, che aveva dichiarato inammissibile il ricorso di una società intenzionata a realizzare un impianto fotovoltaico, contro i pareri negativi espressi dal Comune e dalla Soprintendenza durante la conferenza dei servizi nell’ambito del procedimento di autorizzazione unica.

Il Collegio ha stabilito, in linea con la giurisprudenza prevalente in merito alla legge 241/1990 sul procedimento amministrativo (legge richiamata integralmente dal DLgs 387/2003) che nell’ambito del procedimento di AU alla realizzazione di impianti a fonti rinnovabili (articolo 12, DLgs 387/2003) in conferenza dei servizi, l’interessato può impugnare solo il provvedimento finale dell’ente  autorizzante. Infatti, sia la determinazione finale della conferenza dei servizi, sia i pareri prodromici espressi dai vari Enti coinvolti durante la riunione, sono atti endoprocedimentali non immediatamente lesivi degli interessi del privato e quindi non autonomamente impugnabili.

http://www.giustizia-amministrativa.it/DocumentiGA/Consiglio%20di%20Stato/Sezione%206/2012/201205169/Provvedimenti/201302417_11.XML


RICERCA

RICERCA AVANZATA


ApertaContrada.it Foro Traiano 1/A – 00187 Roma – Tel: + 39 06 6990561 - Fax: +39 06 699191011 – Direttore Responsabile Filippo Satta - informativa privacy