Imposta come home page     Aggiungi ai preferiti

Energie rinnovabiliConsiglio di Stato, sentenza 16 maggio 2013, n. 2659

di Osservatorio Energia - 7 giugno 2013
      Stampa Stampa      Segnala Segnala

Ai fini della disciplina sulla incentivazione degli impianti cogenerativi assimilati alle “rinnovabili” ex delibera Cip 6/92, energia termica utile è solo il calore destinato a usi civili e industriali e non l’energia termica destinata alla produzione di elettricità.

Una società proprietaria di un impianto a cogenerazione alimentato a gas naturale “assimilato” alle rinnovabili in forza della oramai superata disciplina ex legge 10/1991 e delibera Cip 6/92 (ma tuttora vigente “ad esaurimento” per alcuni impianti), contestava la rideterminazione — fatta dall’AEEG — dell’indice energetico Ien (rapporto fra energia elettrica prodotta al netto di quella assorbita dai servizi ausiliari, energia termica utile prodotta ed energia immessa nell’impianto attraverso combustibili fossili), con conseguente rideterminazione dell’incentivo spettante e richiesta di restituzione dell’indebito.

Il Consiglio di Stato ha rilevato la correttezza della rideterminazione, ricordando come energia termica utile è solo il calore direttamente destinato a usi civili o industriali, e non anche l’energia termica destinata alla produzione di energia elettrica, poiché diversamente si andrebbe ad inficiare il concetto stesso di cogenerazione

http://www.giustizia-amministrativa.it/DocumentiGA/Consiglio%20di%20Stato/Sezione%206/2009/200908570/Provvedimenti/201302659_11.XML


RICERCA

RICERCA AVANZATA


ApertaContrada.it Foro Traiano 1/A – 00187 Roma – Tel: + 39 06 6990561 - Fax: +39 06 699191011 – Direttore Responsabile Filippo Satta - informativa privacy