Imposta come home page     Aggiungi ai preferiti

Energia elettricaCorte di giustizia, conclusioni avvocato generale, 16 aprile 2013

di Osservatorio Energia - 18 maggio 2013
      Stampa Stampa      Segnala Segnala

L’Avvocato generale Jaaskinen ha presentato le proprie conclusioni nell’ambito di una domanda di pronuncia pregiudiziale proposta dalla Corte suprema dei Paesi Bassi in tema di distribuzione di energia elettrica e di gas.

In particolare, si tratta di una questione pregiudiziale sulla compatibilità con il diritto dell’Unione dei seguenti divieti imposti dalla legislazione olandese ne confronti dei c.d. gestori di rete:

  1. divieto di privatizzazione: le azioni delle società gestori di reti e il controllo sulle reti devono essere totalmente nelle mani di organismi pubblici (compatibilità con art. 345 TFUE);

  2. divieto di gruppo: un gestore di rete e le società ad esso collegate non possono appartenere a un gruppo di cui facciano parte anche società di energia (compatibilità con art. 63 TFUE, libera circolazione dei capitali);

  3. divieto di attività terze: un gestore di rete non può svolgere attività estranee alla gestione di rete (compatibilità con art. 63 TFUE, libera circolazione dei capitali).

In primo luogo, l’avvocato generale afferma che il divieto di privatizzazione costituisce un regime di proprietà e, ai sensi dell’art. 345 TFUE (“I trattati lasciano del tutto impregiudicato il regime di proprietà negli Stati membri”), è compatibile con il diritto dell’Unione.

In secondo luogo, secondo Jaaskinen, il divieto di gruppo ed il divieto di attività terze rientrano invece nei movimenti di capitali ai sensi dell’art. 63, paragrafo 1, TFUE, costituendone una restrizione, tuttavia giustificata da un motivo di interesse generale. Infatti, tali provvedimenti “sono idonei a garantire che la concorrenza non  venga

falsata dallo sfruttamento di una posizione monopolistica di gestore di gestore di sistemi di distribuzione nella commercializzazione, nella fornitura  o nella produzione o in altri settori separati dalla gestione della rete” (punto 104).

Si attende ora il giudizio della Corte.

http://eurlex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=CELEX:62012CC0105:IT:HTML


RICERCA

RICERCA AVANZATA


ApertaContrada.it Foro Traiano 1/A – 00187 Roma – Tel: + 39 06 6990561 - Fax: +39 06 699191011 – Direttore Responsabile Filippo Satta - informativa privacy