Imposta come home page     Aggiungi ai preferiti

 

Chi si oppone?

di - 23 aprile 2013
      Stampa Stampa      Segnala Segnala

La condizione dell’economia “reale” dell’Italia – da pochi anteveduta sin dagli anni Novanta, ammessa ora dai più – è grave, più grave di quanto non fosse nel novembre del 2011, quando l’attuale governo nacque. Pure, è risolvibile.

La fuoriuscita dalla crisi – ristagno dal 1992, contrazione abissale dal 2008 – è da ultimo affidata alle imprese. Dopo lustri di letargo improduttivo e profitti facili la ripresa dipenderà dall’autonoma riscoperta da parte loro della propensione e capacità di investire, stare sulla frontiera dell’efficienza, innovare nei prodotti e nelle tecniche, assicurare lavoro non precario e salario dignitoso. Nel tempo la produttività delle nostre imprese è scaduta, in assoluto e rispetto ai concorrenti. E’ essenziale che torni a crescere, recuperi il terreno perduto. La risposta, seppure tardiva, è ancora nelle potenzialità del sistema.

Lo Stato è chiamato a confortare almeno in tre modi l’impegno che l’Impresa decidesse alfine di fare proprio.

All’economia occorre un quadro giuridico moderno: nel diritto societario e dei rapporti di lavoro, nel processo civile, nel diritto fallimentare, del risparmio, amministrativo. L’attuale ordinamento è di freno alla crescita della produzione e della produttività, impedisce l’investimento estero. Si deve riscrivere il diritto dell’economia in modo organico, nel rispetto dei principii comunitari, così da promuovere le migliori espressioni della funzione imprenditoriale e del capitale di rischio.

In secondo luogo, non solamente attraverso la normativa e l’azione antitrust, va imposta alle imprese la concorrenza. Solo le pressioni competitive possono costringere alla ricerca del profitto lungo la strada maestra dell’efficienza, e non attraverso scorciatoie collusive e caccia alle rendite. La concorrenza è specialmente preziosa nei mercati delle merci “base”, che entrano quali beni intermedi nella più gran parte delle attività economiche.

Infine, le pubbliche amministrazioni devono tornare a effettuare investimenti netti in opere infrastrutturali che – a cominciare dalla messa in sicurezza del territorio – siano socialmente utili, tonifichino la domanda globale in via diretta e con i loro forti effetti moltiplicativi, dischiudano alle imprese economie esterne. Contemporaneamente, deve iniziare a ridursi la pressione tributaria. Esosa e iniqua, la tassazione frena l’accumulazione di capitale e i consumi, distorce l’impiego delle risorse, mortifica l’attività produttiva. Per investire in infrastrutture e ridurre le imposte nel rispetto dei vincoli comunitari e di mercato finanziario è essenzialeche l’equilibrio del bilancio – al netto del ciclo – venga consolidato contenendo la spesa corrente non-sociale al netto degli interessi sul debito. Vanno poste sotto rigoroso, draconiano controllo tre voci di uscita nel conto della P.A.: acquisti di beni e servizi (strappando prezzi meno iugulatori ai fornitori); personale (graduando il turnover, per date remunerazioni); “altre” spese correnti (tagliando trasferimenti fonte di inefficienza e frutto di corruzione). Nel loro insieme le tre voci corrispondono a un quinto del prodotto lordo, con ampi margini di risparmio, solo moderatamente riduttivi della domanda globale.

E’ dubbio che si diano realistiche alternative a queste linee d’azione. Esse sono, oggi, ampiamente condivise dagli economisti, dal mondo della produzione e, deve ritenersi, dalle parti sociali.

Può la politica continuare a disattenderle fra inconcludenti attriti di fazioni, mentre il Paese scivola verso la povertà, lungo una deriva che la politica non ha saputo, in venti anni, contrastare?

 

 


RICERCA

RICERCA AVANZATA


ApertaContrada.it Foro Traiano 1/A – 00187 Roma – Tel: + 39 06 6990561 - Fax: +39 06 699191011 – Direttore Responsabile Filippo Satta - informativa privacy