Imposta come home page     Aggiungi ai preferiti

GasConsiglio di Stato, sez. VI, sentenza 31 luglio 2012, n. 4378

di Osservatorio Energia - 6 settembre 2012
      Stampa Stampa      Segnala Segnala

Secondo il Consiglio di Stato, il termine di cui all’art. 14 della legge n. 689 del 1981, secondo cui “se non è avvenuta la contestazione immediata gli estremi della violazione debbono essere notificati agli interessati entro il termine di novanta giorni (…) dall’accertamento“, decorre dal momento in cui l’Autorità procedente ha accertato in via definitiva l’infrazione. La richiesta di chiarimenti ed integrazioni al soggetto ritenuto responsabile  di un’infrazione fa presumere che l’accertamento non sia definitivo e che pertanto non possa decorrere il termine per la contestazione dell’infrazione.

http://www.giustizia-amministrativa.it/DocumentiGA/Consiglio%20di%20Stato/Sezione%206/2009/200903080/Provvedimenti/201204378_11.XML

 


RICERCA

RICERCA AVANZATA


ApertaContrada.it Foro Traiano 1/A – 00187 Roma – Tel: + 39 06 6990561 - Fax: +39 06 699191011 – Direttore Responsabile Filippo Satta - informativa privacy