Imposta come home page     Aggiungi ai preferiti

Energie rinnovabiliTAR Basilicata, Potenza, sez. I, sentenza 11 giugno 2012, n. 271

di Osservatorio Energia - 27 luglio 2012
      Stampa Stampa      Segnala Segnala

La disposizione regionale relativa alla distanza di 500 metri da osservare fra un impianto eolico e l’altro non contempla, per la tipologia di impianti considerata, disposizioni riguardanti eventuali “interferenze” di impianti terzi (attribuibili cioè a soggetti proponenti diversi). La disposizione regionale riguarda l’ipotesi di più impianti realizzati dallo stesso soggetto ovvero dallo stesso proprietario dei suoli di ubicazione degli impianti. La ratio sottesa a tale norma si basa sulla necessità di impedire allo stesso soggetto di eludere l’articolata disciplina sui Grandi Impianti Eolici (come tali soggetti al regime dell’ A.U. implicante l’assoggettamento a V.I.A.), attraverso la presentazione di più progetti di minieolico realizzati mediante ricorso alla procedura semplificata di D.I.A.

 http://www.giustizia-amministrativa.it/DocumentiGA/Potenza/Sezione%201/2012/201200013/Provvedimenti/201200271_01.XML


RICERCA

RICERCA AVANZATA


ApertaContrada.it Foro Traiano 1/A – 00187 Roma – Tel: + 39 06 6990561 - Fax: +39 06 699191011 – Direttore Responsabile Filippo Satta - informativa privacy