Imposta come home page     Aggiungi ai preferiti

GasTAR Umbria, sez. I, sentenza 13 gennaio 2011, n. 1

di Osservatorio Energia - 13 gennaio 2011
      Stampa Stampa      Segnala Segnala

Il TAR ha chiarito che l’art. 15, comma 9, del Dlgs n. 164/2000 – secondo cui gli affidamenti e le concessioni in essere sono mantenuti per un periodo non superiore a dodici anni a partire dal 31 dicembre 2000 – presuppone che il servizio sia stato affidato tramite gara. Ciò implica necessariamente che siano stati predefiniti e comunicati ai potenziali interessati le regole della competizione in applicazione dei principi di imparzialità e parità di trattamento.

Il TAR ha poi precisato che la mancata definizione degli ambiti territoriali di cui all’art. 46 bis del Dlgs n. 164/2000 non impedisce ai Comuni di indire nuove gare per l’affidamento del servizio di distribuzione del gas. Diversamente si introdurrebbe una moratoria sine die che impedirebbe l’applicazione dei principi comunitari a tutela della concorrenza.

http://www.giustizia-amministrativa.it/DocumentiGA/Perugia/Sezione%201/2010/201000207/Provvedimenti/201100001_01.XML


RICERCA

RICERCA AVANZATA


ApertaContrada.it Foro Traiano 1/A – 00187 Roma – Tel: + 39 06 6990561 - Fax: +39 06 699191011 – Direttore Responsabile Filippo Satta - informativa privacy