Imposta come home page     Aggiungi ai preferiti

RifiutiConsiglio di Stato, sez.V, sentenza, 1 ottobre 2010, n. 7253

di Osservatorio Energia - 1 ottobre 2010
      Stampa Stampa      Segnala Segnala

Posta la competenza esclusiva dell’ATO ad intervenire sulle dinamiche tariffarie, è legittima la delibera dell’ATO stessa, con cui, a seguito della decisione di conferire ad un dato impianto di discarica rifiuti provenienti da un bacino ulteriore a quello inizialmente associato a detto impianto (con conseguente incremento delle T.a. conferite), in assenza di dati e informazioni relative alle varie voci componenti la tariffa, concernenti i Ce (costi di esercizio), i Ca (costi di ammortamento) ed i Cc (costi di chiusura e post- gestione), puntualmente richiesti dall’amministrazione ma non prodotti dal gestore dell’impianto, si provveda “provvisoriamente e fino all’acquisizione di dati a consuntivo” alla rideterminazione della tariffa di conferimento, ridotta in considerazione di: i) il passaggio dell’impianto alla categoria di “prima fascia” per volumetria, con conseguente diminuzione dei CE (costi di esercizio); ii)l’azzeramento del CA (costo di ammortamento), ad opera dei maggiori conferimenti già effettuati in passato rispetto a quelli originariamente previsti.

http://www.giustizia-amministrativa.it/DocumentiGA/Consiglio%20di%20Stato/Sezione%205/2009/200908310/Provvedimenti/201007253_11.XML


RICERCA

RICERCA AVANZATA


ApertaContrada.it Foro Traiano 1/A – 00187 Roma – Tel: + 39 06 6990561 - Fax: +39 06 699191011 – Direttore Responsabile Filippo Satta - informativa privacy