Imposta come home page     Aggiungi ai preferiti

RifiutiCassazione penale, sez. III, sentenza 15 giugno 2010, n. 22752

di Osservatorio Energia - 15 giugno 2010
      Stampa Stampa      Segnala Segnala

Il ricorso viene rigettato, perché il legale rappresentante della società, è, in materia di smaltimento di rifiuti, l’amministratore della società che gestisce un impianto produttivo che è destinatario degli obblighi previsti dalle norme di settore. Il suddetto, cui legalmente è attribuita una posizione di garanzia, è tenuto a vigilare che propri dipendenti o altri sottoposti o delegati osservino le norme ambientalistiche. L’osservanza delle norme in questione consegue, quindi, ope legis e chi è destinatario di esse, legale rappresentante di una società per azione o il suo delegato, è tenuto a osservarle. Nel caso di specie destinatario era l’imputato, perché, quale delegato del legale rappresentante dell’impresa di smaltimento dei rifiuti, era tenuto a vigilare che i propri dipendenti o sottoposti o delegati osservassero le norme ambientalistiche. Viene accertata la violazione per smaltimento dei rifiuti non previsti nell’autorizzazione e il mancato rispetto delle norme relative alla copertura giornaliera dei rifiuti, ratione temporis applicabili, essendo prescritte all’epoca dei fatti dalla delibera del Comitato interministeriale del 27.7.1984.


RICERCA

RICERCA AVANZATA


ApertaContrada.it Foro Traiano 1/A – 00187 Roma – Tel: + 39 06 6990561 - Fax: +39 06 699191011 – Direttore Responsabile Filippo Satta - informativa privacy