Imposta come home page     Aggiungi ai preferiti

GasAGCM, segnalazione 19 maggio 2010, sullo schema di decreto legislativo recante misure per una maggior concorrenzialità nel mercato del gas naturale

di Osservatorio Energia - 19 maggio 2010
      Stampa Stampa      Segnala Segnala

L’Autorità auspica che il decreto sul mercato del gas possa essere rivisto in alcune sue parti.

Innanzitutto, l’AGCM evidenzia che non è definita ma rimandata ad un successivo provvedimento del Ministero dello Sviluppo Economico l’individuazione della c.d. “quota di mercato all’ingrosso” al cui superamento le società che immettono gas nel sistema nazionale sono tenute ad adottare le misure per la maggior concorrenzialità del mercato del gas.

Secondariamente, preoccupa il tetto di 50 milioni fissato dallo schema di decreto che il soggetto –  che si impegna allo sviluppo di nuova capacità di stoccaggio – corrisponde al Gestore dei Servizi Energetici (GSE) a titolo di compensazione per l’attuazione di misure anticipatorie. La previsione di un tale tetto, secondo l’AGCM, potrebbe ridurre gli incentivi a realizzare nel più breve tempo possibile gli investimenti, rispetto ad una situazione in cui il costo della misura anticipatoria a carico di tale soggetto non sia noto ex ante.

Infine,  l’AGCM segnala che, secondo lo schema di decreto, i soggetti investitori, ai fini dell’utilizzo della nuova capacità di stoccaggio, possono affidare mandato a imprese attive nel settore gas (c.d. shipper), ivi inclusa l’impresa che si impegni allo sviluppo della medesima nuova capacità di stoccaggio. Si suggerisce, pertanto, di inserire nel decreto, ed, in particolare, al comma 3 dell’articolo 6, un divieto esplicito in capo al soggetto obbligato di rivestire il ruolo di mandatario dei soggetti investitori.

http://www.agcm.it/agcm_ita/NEWS/NEWS.NSF/fa39d3e0de739461c125676e00373f19/9e7292d8e9bcfed8c12577280046f3f1/$FILE/segnalazione.pdf


RICERCA

RICERCA AVANZATA


ApertaContrada.it Foro Traiano 1/A – 00187 Roma – Tel: + 39 06 6990561 - Fax: +39 06 699191011 – Direttore Responsabile Filippo Satta - informativa privacy