Imposta come home page     Aggiungi ai preferiti

Energia elettricaTAR Piemonte, sez. II, sentenza 13 maggio 2010, n. 2389

di Osservatorio Energia - 13 maggio 2010
      Stampa Stampa      Segnala Segnala

Secondo il TAR Piemonte, la costruzione di un elettrodotto rientra a pieno titolo tra le opere infrastrutturali primarie e gli impianti tecnici di interesse comunale o sovracomunale di competenza degli organi statali, regionali o di altri Enti territoriali ed involge profili di tutela della salute ed espropriativi.

Con riguardo ai profili di tutela del diritto alla salute, connessi con i campi elettromagnetici derivanti dagli elettrodotti ad alta tensione, l’arresto conferma l’orientamento giurisprudenziale secondo cui il rispetto del DPCM 23/04/1992, che ha normativamente recepito i limiti indicati dalle Istituzioni Sanitarie specializzate, è sufficiente ai fini della legittimità dell’atto autorizzatorio delle linee stesse. Per quanto concerne il profilo espropriativo, la sentenza sottolinea che il procedimento di espropriazione per l’installazione di linee elettriche è disciplinato specificamente dal r.d. 11 dicembre 1933 n. 1775, Testo unico delle disposizioni di legge sulle acque e impianti elettrici, i cui artt. 111 e 112 prevedono specifiche forme di pubblicità (pubblicazione della domanda di autorizzazione nel foglio degli annunzi legali della provincia), finalizzate a consentire agli interessati un’attiva partecipazione al procedimento. Tale disciplina, che assume caratteri di specialità rispetto a quella a contenuto generale di cui alla l. n. 241 del 1990, deve peraltro ritenersi sufficiente a soddisfare le esigenze poste a base del principio del giusto procedimento, anche tenuto conto che un procedimento del genere è destinato a coinvolgere un numero estremamente alto di soggetti, non sempre individuabili in modo agevole. Conclude dunque il TAR che è legittimo il comportamento dell’amministrazione che, nel procedimento culminato con l’emissione del decreto di autorizzazione provvisoria all’opera, segue le indicazioni dei citati artt. 111 e 112, r.d. n. 1775 del 1933, omettendo la comunicazione di avvio del procedimento nei confronti dei proprietari dell’area interessata dall’elettrodotto.

http://www.giustizia-amministrativa.it/DocumentiGA/Torino/Sezione%202/1998/199801651/Provvedimenti/201002389_01.XML


RICERCA

RICERCA AVANZATA


ApertaContrada.it Foro Traiano 1/A – 00187 Roma – Tel: + 39 06 6990561 - Fax: +39 06 699191011 – Direttore Responsabile Filippo Satta - informativa privacy