Imposta come home page     Aggiungi ai preferiti

RifiutiTRGA Trentino Alto Adige, sentenza 25 marzo 2010, n. 93

di Redazione di ApertaContrada - 25 marzo 2010
      Stampa Stampa      Segnala Segnala

sulla tassatività delle tabelle allegate al D. lgs. 152/2006 e sul principio di precauzione comunitario

In caso di contaminazione di siti, è legittimo l’atto del dirigente comunale con cui si prescrive di integrare la Relazione dell’analisi di rischio sito specifica con la specifica valutazione di un valore limite di concentrazione accettabile nelle acque sotterranee, relativo ad elementi non espressamente richiamati dalle relative tabelle allegate al D.lgs. 152/2006, ma successivamente individuati dall’Agenzia provinciale per la protezione dell’ambiente in conformità al parere espresso dall’Istituto Superiore di Sanità (nella specie, l’MTBE – metil – ter – butil – etere -, agganciato cautelativamente alla soglia olfattiva compresa in un range di 20-40 microgrammi/litro).

A fronte della mancata espressa indicazione dell’elemento nelle suddette tabelle, infatti, va considerato che nell’ordinamento vige il principio di precauzione, che è di genesi comunitaria al pari di quello di proporzionalità. Esso, anche in relazione all’art. 174 del Trattato CE, ha valenza direttamente imperativa, ed è ben invocabile ogni volta che, pur a fronte di una carente base normativa e dunque di un possibile ritardo da parte del legislatore nel prendere atto del costante progresso della scienza, sia ragionevolmente ipotizzabile l’esistenza di un rischio non tollerabile (cfr. Corte di Giustizia CE, sentenza 26 novembre 2002 n. T-132; Consiglio di Stato, sez. VI, 5.12.2002, n. 6657).

Oltretutto, la potabilità dell’acqua impone l’assenza di sostanze odorigene: pur in mancanza di un espresso richiamo al MTBE, va considerato che la tabella C allegata al D.lgs. 2.2.2001, n. 31 fissa il parametro odore (ed anche quello del sapore) come accettabile per i consumatori e senza variazioni anomale; su tale fondamento, quindi, il livello della soglia olfattiva considerato come limite dal citato parere dell’ISS è coerente, seppure privo di una puntuale previsione legislativa, col precetto appena menzionato.

http://www.giustizia-amministrativa.it/DocumentiGA/Trento/Sezione%201/2009/200900066/Provvedimenti/201000093_01.XML


RICERCA

RICERCA AVANZATA


ApertaContrada.it Foro Traiano 1/A – 00187 Roma – Tel: + 39 06 6990561 - Fax: +39 06 699191011 – Direttore Responsabile Filippo Satta - informativa privacy