Imposta come home page     Aggiungi ai preferiti

RifiutiDisegno di legge n.S. 1955, proroga di termini SISTRI, RAEE e tariffa rifiuti

di Osservatorio Energia - 30 dicembre 2009
      Stampa Stampa      Segnala Segnala

Il DDL n.1995 propone di modificare:

1)     In merito al SISTRI, l’articolo 1, comma 1, del Decreto del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare 17 dicembre 2009. Viene prorogato il termine per l’applicazione del nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti a decorrere dalla data di entrata in vigore del DM 17.12.2009. Il nuovo termine viene fatto decorrere dopo  12 mesi per le imprese e gli enti produttori iniziali di rifiuti pericolosi con un numero di dipendenti compreso tra 11 e 50. Dopo 18 mesi dalla data di entrata in vigore DM per le imprese e gli enti produttori iniziali di rifiuti pericolosi  con meno di 11 dipendenti e per le imprese e gli enti di cui all’articolo 184, comma 3, lettere c), d) e g) del medesimo decreto legislativo n. 152 del 2006, che producono oltre 10 tonnellate annue di rifiuti non pericolosi e con un numero di dipendenti superiore a undici. Dopo 24 mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto per le imprese e gli enti di cui all’articolo 184, comma 3, lettere c), d) e g) del medesimo decreto legislativo n. 152 del 2006, che producono meno di 10 tonnellate annue di rifiuti non pericolosi e con un numero di dipendenti superiore a undici”

2)    In merito ai centri di raccolta comunali il comma aggiuntivo di cui all’emendamento 8.1 (testo 2) della Commissione differisce al 30 giugno 2010 il termine entro il quale i centri suddetti operanti sulla base di disposizioni regionali o di enti locali devono conformarsi alle disposizioni dell’articolo 2, comma 7 del decreto del Ministro dell’ambiente dell’8 aprile 2008(art 8). RAEE (registro apparecchiature elettriche ed elettroniche) – Il termine previsto dall’articolo 11, comma 1, del decreto legislativo 25 luglio 2005, n. 151, è prorogato al 31 Dicembre 2010.

3)    In merito alla tariffa rifiuti viene riconosciuto agli utenti domestici che hanno corrisposto l’IVA sulla Tariffa di igiene ambientale ai sensi del Dlgs 22/1997, il diritto ad un credito d’imposta sull’Irpef, pari all’IVA corrisposta, da utilizzare, in misura proporzionale, in compensazione ai sensi dell’articolo 17 del Dlgs 241/1997 e smi in quattro periodi d’imposta, a decorrere dalle dichiarazioni relative all’anno d’imposta 2010.

http://www.senato.it/leg/16/BGT/Schede/Ddliter/34761.htm

http://www.senato.it/documenti/repository/dossier/studi/2010/Dossier197.pdf


RICERCA

RICERCA AVANZATA


ApertaContrada.it Foro Traiano 1/A – 00187 Roma – Tel: + 39 06 6990561 - Fax: +39 06 699191011 – Direttore Responsabile Filippo Satta - informativa privacy