Imposta come home page     Aggiungi ai preferiti

 

Auguri alla sig.ra Milišiauskinié Daiva!

di - 18 maggio 2009
      Stampa Stampa      Segnala Segnala

Il Sommario della Gazzetta Ufficiale del 6 maggio 2009, n. 103, si apre con una informazione di rilevanza storica per il nostro Paese: viene pubblicata la legge che conferisce delega al Governo per attuare il federalismo fiscale. Con occhio trepido il lettore scorre il Sommario in cerca di altre informa­zioni, se così si possono chiamare, e dopo poche righe scopre che questa Gazzetta ospita un altro decreto, della Presidenza del Consiglio: la sig.ra Milišiauskinié Daiva si è vista riconoscere il titolo professionale estero in suo possesso per l’accesso e l’esercizio della professione di guida turistica nell’ambito territoriale di Roma e Provincia.
Auguri dunque alla sig.ra Daiva che ha avuto la ventura di veder pubbli­cato il suo nome sulla prima pagina di una Gazzetta Ufficiale Italiana!
Se si gira la prima pagina della Gazzetta si apprende che altre quattro o cinque persone hanno goduto di un riconoscimento di questo genere (o si­mile). Anche a loro i nostri auguri!
Il decreto relativo alla sig.ra Daiva si legge a p. 40. E lì si scopre che il suo titolo originale di formazione professionale come guida turistica per Roma e provincia era lituano; che il suo riconoscimento non è assoluto, ma subordinato ad un tirocinio di 18 mesi sotto la guida di un professioni­sta in possesso di autorizzazione all’esercizio della professione di guida tu­ristica a Roma, che, secondo l’allegato A al decreto, sembra assai com­plesso; al termine dovrà essere presentata un relazione molto articolata, a seguito della quale, se favorevole, la Provincia rilascerà un attestato.
Le norme sulla pubblicazione dei decreti sono quello che sono. Ma una domanda è consentita. Questo pre-titolo di guida turistica sembra un pa­tentino a tutti gli effetti. Ma perché deve essere rilasciato sub condicione dalla Presi­denza del Consiglio? Va bene che si tratta di riconoscere un titolo estero; che questo è tipicamente di competenza del Governo; che il Mini­stero del Turismo non esiste più ed è diventato un dipartimento della Pre­sidenza; ma ci sono i prefetti, che rappresentano il Governo sul territorio. E a che cosa serve la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale? Perché non pub­blicare anche nomi e cognomi di chi consegue l’abilitazione alla guida?
Forse nell’era della semplificazione e dell’informatica a queste comples­sità burocratiche ad al vezzo della pubblicazione “in G.U.”, come si dice in gergo, si può rinunciare. Quantomeno si può cominciare a pensarci.

RICERCA

RICERCA AVANZATA


ApertaContrada.it Foro Traiano 1/A – 00187 Roma – Tel: + 39 06 6990561 - Fax: +39 06 699191011 – Direttore Responsabile Filippo Satta - informativa privacy